Idropulsori dentali, meglio con o senza spazzolino incorporato?

Idropulsori dentali, meglio con o senza spazzolino incorporato?

Nella moderna igiene orale spazzolino, filo interdentale e idropulsore non si escludono a vicenda, ma fanno un lavoro di squadra. Nei casi in cui lo spazzolino elettrico è inglobato nell’idropulsore, l’apparecchio è autonomo e non necessita di altre ‘stampelle’, ma in tutti gli altri casi l’uso dello spazzolino prima dell’idropulsore è indispensabile, volendo anche del filo interdentale o del collutorio. Soltanto dopo si può azionare l’idropulsore per completare l’opera di igienizzazione che risulterà, a quel punto, più approfondita.  In questo senso l’idropulsore si qualifica come un supplemento di igiene per portare a termine l’azione dello spazzolino, laddove questo non arriva. Per questo si consiglia, per poter disporre di uno strumento completo, di dotarsi di un modello con spazzolino incorporato, per comodità e non aver bisogno di altro. Ma quali sono i vantaggi reali di un idropulsore dentale?

Questo strumento innovativo presenta un pacchetto di funzionalità al servizio di una pulizia impeccabile di denti e bocca, stanando tutte le colonie batteriche che si annidano nel cavo orale. Non si avranno problemi di pezzetti di cibo che restano impigliati fra dente e dente o di placca che si deposita sui denti, anche le gengive ne beneficeranno grazie ai trattamenti massaggianti offerti dai migliori idropulsori. Inoltre, con l’uso costante dell’idropulsore, si sconfigge l’alitosi e il formarsi di carie, a beneficio di denti e bocca, favorendo una buona circolazione sanguigna. Quando si acquista un idropulsore, di solito lo si fa per dotarsi di un apparecchio fruibile da tutta la famiglia.

Gli idropulsori più grandi montano più ugelli, per servire più utenti, in modo che ognuno avrà il suo personale di modo che un solo idropulsore servirà più utilizzatori. Questo apparecchio risulta più efficace e completo del filo interdentale, non ha controindicazioni e può essere usato da tutti, anche bambini e persone che montano apparecchi ortodontici oppure soffrono di patologie dentale o gengivali. Ma come scegliere l’idropulsore più adatto? Ogni modello, come abbiamo avuto modo di vedere, ha caratteristiche specifiche, il consiglio è di partire dalla valutazione delle dimensioni, a seconda di quanti ne faranno uso. Domandarsi, quindi, quanti saranno a usarlo abitualmente e decidere di conseguenza, magari facendosi guidare dalle migliori offerte reperibili sul sito www.sceltaidropulsore.it.